Amici aiuta Canale 5: «Sì allo spostamento ma non sono contenta»

da Roma

Mercoledì. No, domenica. Anzi no, mercoledì. Anzi no, domenica e poi mercoledì. Che casino. Comunque, di certo c’è che riparte la versione serale di Amici, la scuola di talenti di Maria De Filippi. Chiusa la fase autunnale di preparazione dei ragazzi, come ogni anno si apre quella in prime time che decreterà il vincitore del programma. Si comincia domenica. Ma attorno a questa data si è scatenato un pasticcio che alla signora di Canale 5 non è piaciuto molto. «Prima i vertici Mediaset mi hanno chiesto di andare in onda al mercoledì – ha detto ieri Maria in conferenza stampa tra i banchi degli allievi della scuola di ballo, canto e recitazione di Cinecittà -, cercando di convincermi che era il giorno più adatto al mio show. Poi solo qualche giorno fa mi hanno comunicato che si tornava alla domenica, come lo scorso anno... È ovvio che la cosa mi disturbi, spostarsi a pochi giorni dalla messa in onda non è facile. Ma quello che proprio non mi piace è l’ulteriore cambio». Infatti si comincia domenica prossima, per quattro puntate, poi per le restanti si torna al mercoledì. Come mai questo continuo mutare? «Perché – risponde Massimo Donelli, direttore di Canale 5, arrivato a Roma per rassicurare la De Filippi – il palinsesto è materia viva». In sostanza, dato che la programmazione di inizio anno non ha dato i risultati sperati (vanno male Questa è la mia terra, i Ris e il Bagaglino), si spostano le caselle nella speranza di recuperare qualche punto sul concorrente. Per cui si prova a far scontrare Amici, punto di forza della rete (salito di 4 punti nel daytime) contro il redivivo Montalbano, spostando la serie sull’Agropontino al mercoledì in attesa che arrivi il Dr. House tra quattro settimane. A quel punto Amici torna al mercoledì. «Ma chissà poi se sarà così – si domanda dubbiosa la presentatrice – magari mi cambiano un’altra volta». La De Filippi s’interroga anche su quale programma le farà da traino visto che si pensa di chiudere l’esperimento di Passaparola dopo il Tg5.
In attesa di vedere come finisce la partita a scacchi, ecco le novità di questo Amici, settima edizione. Avranno un ruolo maggiore i professori e, visto come si sono azzuffati in conferenza stampa appena è stato dato loro il microfono, c’è da star certi che non terranno calme le acque. Nelle passate stagioni c’era il pubblico ad animare – a volte fin troppo – le puntate schierandosi con l’uno o l’altro allievo. In questa edizione la formula del programma è stata modificata in modo da far scontrare le due opposte «filosofie» di spettacolo che si riversano anche sul metodo di insegnamento e cioè quella più rigorosa (difesa in modo strenuo nella danza da Alessandra Celentano) e quella basata più su «cuore, passione, emozione» sostenuta per esempio da Garrison Rochelle. Scuole di pensiero per cui i docenti litigano da anni, e che questa volta vengono fisicamente rappresentate dalla divisione dei ragazzi in due squadre, una bianca e una blu, ognuna composta da allievi e docenti, in sostanza, seguaci della stessa filosofia. «Anche i ragazzi – spiega Maria – sono più consapevoli. E non si intimidiscono di fronte ai professori criticando anche a telecamere accese i loro metodi di insegnamento». In sostanza: aspettatevi dei vivaci battibecchi tra professori e tra gli stessi e i ragazzi, del resto questa è l’anima del programma. «Ma io non voglio risse – continua Maria – tanto che finalmente sono riuscita a togliere la parola al pubblico in studio».
Tra gli ospiti Platinette. Il vincitore, scelto con un mix di televoto e giudizio degli insegnanti, avrà un premio di 300mila euro, mentre a un altro degli allievi verrà assegnata una borsa di studio per un anno di stage a New York.