Con «Amici» c’è posta per Canale 5

da Milano

Non c’è storia. Quando parte con i suoi cavalli di battaglia, non la ferma nessuno. Amici, C’è posta e Uomini e donne: nonostante la lunga lista di detrattori e nonostante gli anni di messa in onda, al pubblico a casa continuano a piacere. Basta dare un’occhiata ai risultati degli ultimi giorni. Sabato lo show serale non solo ha retto la forte concorrenza della nazionale di calcio, ma ha anche realizzato il proprio record personale di ascolto con il 32,2 per cento di share e 6 milioni 539mila spettatori, incrementando di tre punti percentuali rispetto alla puntata precedente. Le storie raccolte dalla De Filippi e i suoi ospiti importanti fungono da grande richiamo per gli spettatori del sabato che girano il telecomando più su Canale 5 che su Raiuno, come già è successo negli anni scorsi nella sfida con la Clerici, Panariello, Morandi e Milly Carlucci. Ma soprattutto C’è posta è praticamente l’unico show, a parte Striscia la notizia, che in questo difficile avvio di stagione di Canale 5 ha retto il prime time.
E l’altro punto di forza, Amici, come ogni anno sta partendo con sprint. Sabato pomeriggio, primo giorno di conduzione di Luca Zanforlin (uno degli autori del programma), il talent ha raggiunto il 25,25 per cento di share. E ieri, seconda giornata nella nuova collocazione domenicale (da quest’anno va in onda tutti i giorni), ha sbaragliato ogni concorrenza, risultando il programma più visto nella prima parte del pomeriggio con il 23,7 per cento di share e 3 milioni 124mila spettatori.
Pure Uomini e donne, cui la De Filippi ha imposto un piccolo cambio di rotta con meno schiamazzi, al pomeriggio batte regolarmente la concorrenza.\