Ammazzò la moglie Fuori dopo 10 anni si uccide per rimorso

A 61 anni compiuti Orazio Cannata forse si illudeva di aver dimenticato, dopo dieci anni passati a rimuginare su quell’attimo di follia, generata dalla gelosia, in cui aveva ucciso la moglie. Carmela Maimone era morta a 42 anni il 22 maggio 1998 a Misterbianco, in provincia di Catania. Il giudice l’aveva condannato a 18, ma ben presto Cannata, dopo aver dimostrato buona condotta, era stato spedito in una comunità di recupero dove cercavano di aiutarlo a ricominciare. I figli non l’avevano mai abbandonato e due mesi fa aveva deciso di tornare a casa con loro. Ma era la stessa casa in cui si era consumato l’omicidio e il gesto che doveva significare il ritorno alla normalità per Cannata si è trasformato in una condanna. Si è chiuso in se stesso, schiacciato dal rimorso, e due giorni fa si è gettato giù dal balcone dell’appartamento.