Ammazza bandito: indagato

Carlo Lanzani, il 74enne che nella notte tra domenica e lunedì ha ucciso un rapinatore nella propria abitazione di Bagnolo Mella, è iscritto nel registro degli indagati della Procura di Brescia. L’ipotesi di reato, a quanto si è appreso, è quella di omicidio volontario.
L’orientamento della Procura nelle indagini sulla morte Mauro Sardi rimane tuttavia sempre quello della legittima difesa di chi ha sparato. L’iscrizione nel registro degli indagati è quindi da intendersi come un «atto dovuto» in grado di consentire ai consulenti e avvocati del 74enne di essere presenti all’autopsia sul corpo del bandito, Mauro Sardi, 43 anni, un piccolo balordo di paese che tra l’altro l’anziano conosceva bene: più di una volta lo aveva fatto lavorare in casa sua come giardiniere.
Tutto era accaduto poco prima della mezzanotte di Pasqua quando Sardi armato di taglierino si era presentato nell’abitazione di Lanzani. Ne era nata una colluttazione durante la quale il proprietario di casa, seppur ferito alle mani, era riuscito a sparare con la sua 38 special tre colpi. Uno ha centrato mortalmente il rapinatore all’addome. Solo un paio di giorni prima aveva aggredito e rapinato un altro anziano del posto.