Amministrative 2011 ECCO COME SI VOTA

Vediamo, caso per caso, come si può esprimere il voto: dai Comuni sotto i 15mila abitanti a quelli più grandi fino alle Province alle Circoscrizioni

Apparentemente non c'è cosa più semplice che votare: è sufficiente apporre la croce sul simbolo prescelto e il gioco è fatto. In realtà gli elettori si trovano di fronte a varie opzioni, a seconda del tipo di elezioni (Comunali, Provinciali, ecc.) e della volontà, o meno, di esprimere una preferenza. E' prevista anche la possibilità (ma solo per le Comunali) di dare un "voto disgiunto", indicando un candidato a sindaco e, al contempo, mettere la croce su una lista a lui non collegata.

GUARDA IL VIDEO

Vediamo, caso per caso, tutte le possibilità per gli elettori...

Elezioni Provinciali
Ecco come si può votare...
- per uno dei candidati al Consiglio provinciale, tracciando un segno sul relativo contrassegno; il voto così espresso è attribuito sia al candidato alla carica di consigliere provinciale, sia al candidato alla carica di presidente della Provincia collegato;
- per uno dei candidati alla carica di presidente della provincia, tracciando un segno sul relativo rettangolo, e per uno dei candidati al consiglio provinciale ad esso collegato, tracciando anche un segno sul relativo contrassegno; il voto così espresso è attribuito sia al candidato alla carica di consigliere provinciale corrispondente al contrassegno votato, sia al candidato alla carica di presidente della Provincia;
- per un candidato alla carica di presidente della Provincia, tracciando un segno sul relativo rettangolo; il voto così espresso si intende attribuito solo al candidato alla carica di presidente della provincia. Per le elezioni provinciali non è ammesso il voto disgiunto, cioè per un presidente della provincia di un gruppo o di un gruppo di liste e per un candidato al consiglio provinciale di un altro gruppo. Per il ballottaggio il voto si esprime tracciando un segno sul rettangolo entro il quale è scritto il nome del candidato presidente prescelto.

Comuni sopra 15mila abitanti
Sulla scheda sono stampati nomi e cognomi dei candidati alla carica di sindaco, scritti in un apposito rettangolo, al cui fianco sono riportati i contrassegni della lista o delle liste a cui il candidato è collegato. Se nessuno dei candidati ottiene il 50% dei voti più uno, si va al ballottaggio, con la sfida tra i due candidati che hanno preso più consensi. L’elettore può votare in questo modo:

- per una delle liste, tracciando un segno sul relativo contrassegno; il voto così espresso si intende attribuito anche al candidato sindaco collegato;
- per un candidato a sindaco, tracciando un segno sul relativo rettangolo, non scegliendo alcuna lista collegata; il voto così espresso si intende attribuito solo al candidato alla carica di sindaco; - per un candidato a sindaco, tracciando un segno sul relativo rettangolo, e per una delle liste collegate, tracciando un segno sul relativo contrassegno; il voto così espresso si intende attribuito sia al candidato alla carica di sindaco sia alla lista collegata;
- per un candidato a sindaco, tracciando un segno sul relativo rettangolo, e per una lista non collegata, tracciando un segno sul relativo contrassegno; il voto così espresso si intende attribuito sia al candidato alla carica di sindaco sia alla lista non collegata (voto disgiunto).
- L’elettore può anche manifestare un solo voto di preferenza per un candidato alla carica di consigliere comunale scrivendo, sull’apposita riga stampata sulla destra di ogni contrassegno di lista, il nominativo del candidato preferito appartenente alla lista prescelta. Per il ballottaggio il voto si esprime tracciando un segno sul rettangolo entro il quale è scritto il nome del candidato sindaco prescelto.

Comuni sotto i 15mila abitanti
Nella scheda è indicato, a fianco del contrassegno, il candidato alla carica di sindaco. L’elettore ha diritto di votare per un candidato alla carica di sindaco segnando il relativo contrassegno. L’elettore può anche esprimere un voto di preferenza per un candidato alla carica di consigliere comunale compreso nella lista collegata al candidato alla carica di sindaco prescelto, scrivendone solo il cognome o, in caso di omonimia, cognome e nome e, ove occorra, data e luogo di nascita, nella apposita riga stampata sotto il contrassegno. Non è previsto il ballottaggio: vince il candidato che ottiene più voti.

Circoscrizioni - Consigli di Zona
Nella scheda sono indicati, suddivisi per Circoscrizione (o Zona) i simboli dei partiti che si presentano alle elezioni. L'elettore può tracciare la croce su uno dei simboli scrivendo il nome di un candidato al Consiglio. In alternativa può scrivere il nome del candidato (il voto andrà anche alla lista). Non si può esprimere il voto a una lista e la preferenza a un candidato di un'altra lista.