Amsa, Petra rimette le deleghe alla Moratti

L’idea doveva averla in testa già da tempo, quando il sindaco Letizia Moratti, nel festeggiare un anno di mandato, si era lamentata perché «la città è ancora troppo sporca». Ci ha pensato due giorni e ieri l’ad dell’Amsa Carlo Petra, forse non sentendosi più supportato dal sindaco, ha deciso di rimettere a disposizione le proprie deleghe, con una lettera al cda e una personale alla Moratti. Forza Italia, che ne riconosce le capacità gestionali, spera ci ripensi: «Speriamo torni indietro - afferma il capogruppo Giulio Gallera -, ha dato un valido contributo all’azienda e pensiamo lo possa fare ancora». L’assessore all’Arredo urbano Maurizio Cadeo attende «un incontro con Petra per chiarire le motivazioni. Seguirò personalmente questa vicenda e le decisioni che, comunque, sono in mano al cda».