Amt, tra multe e rincari il bilancio migliora

Amt ha chiuso il 2006 in bellezza, con un bilancio che supera addirittura le più rosee aspettative. È stato il sindaco Giuseppe Pericu ad annunciarlo ieri mattina, in una conferenza stampa quasi improvvisata. Sì, perchè la convocazione, in realtà, c'era stata, così come l'incontro tra Amt e la giunta. Ma il sindaco non si era informato, forse non a sufficienza, sulla volontà dell'azienda municipalizzata dei trasporti di diffondere agli organi di stampa il tanto atteso bilancio del 2006. Ossia il rendiconto del primo anno di gestione «foresta» dell'Amt. Nonostante le riserve iniziali, qualche dato è trapelato lo stesso.
Sarebbero quindi aumentati del 4,1 per cento i ricavi dell'azienda grazie all'aumento del numero di passeggeri, che registra un più 2,7 per cento rispetto lo scorso anno. Crescono anche gli abbonamenti annuali: 65 per cento in più di sottoscrizioni, molti dei quali sono stati ordinati direttamente su internet. Buona parte di questi ultimi riguardano le tessere a tariffa ridotta per gli under 26, inserite quest'anno. «I cittadini si sono accorti di quanto può essere conveniente l'abbonamento annuale», ha detto Giuseppe Pericu. Forse perchè si sono accorti di quanto sia pesato sui loro portafogli il «nuovo» biglietto da 1,20 euro. Secondo i dati del bilancio, è aumentato l'uso della metropolitana mentre, grazie alle corsie preferenziali, si è fatto più veloce il servizio su strada. Ma bilancio positivo o meno, il tema caldo restano sempre le striscie gialle. A margine della conferenza Hubert Guyot è tornato sul tema. «Non sono tante le multe - ha detto Guyot -, vuol dire semplicemente che sono ancora tante, troppe, le trasgressioni». E ha ribadito, ancora una volta, che altre telecamere sono in arrivo, per sorvegliare, ancora con maggiore attenzione, le corsie riservate al transito dei mezzi pubblici.