Anarchici scatenati, bastonati 4 giovani

da Genova

Sono spuntati in dieci, teste rasate ma di sinistra. Hanno domandato: «C’è qualche camerata fra voi?». Non è bastato rispondere no. Pareva se ne fossero andati, invece son tornati con i bastoni e i caschi in testa. E a quei sette ragazzi fra i 18 e i 20 anni, «facce pulite» dirà più tardi la Digos, le hanno suonate come fossero al G8, 2001. Il luogo ancora una volta era quello: scuola Diaz-Pertini, oggi okkupata dai giovani di sinistra. L’altra notte, era l’una e mezza, sette ragazzi si son presentati al portone per salutare gli amici in autogestione, ma il «capo» degli studenti in rivolta li ha pregati di andarsene. Il tempo di tornarsene verso l’«Opel Corsa» parcheggiata a trenta metri ed ecco gli Skin di sinistra, tutti tra i 25 e i 30 anni, che hanno dato il via alla maxirissa. Quando la polizia è arrivata gli aggressori se l’erano già data a gambe.