Anastasia slitta se parla l’italiano

B asta che in famiglia arrivi una medaglia, o io o lui non conta, ma una per forza dovremo vincerla». Diceva così Anastasia Antonova detta Nasty alla vigilia della stagione, diceva così perché non voleva sembrare immodesta. È chiaro che la medaglia a cui pensava era quella del marito, Christian Oberstolz, ventottenne pilota dello slittino doppio italiano, vincitore della coppa del mondo 2005. Certo ora, dopo il podio conquistato a Lake Placid e soprattutto il quarto posto nella gara preolimpica sulla pista di Cesana, le sue ambizioni sono cresciute e le medaglie da portare a casa potrebbero essere due, perché nel frattempo la coppia Oberstolz-Gruber ha vinto due gare di coppa del mondo, finendo al secondo posto della classifica generale. È stato un bell’acquisto quello fatto dall’Italia dopo i Giochi olimpici 2002, dove Nasty e Christian si consolarono. E appena un anno più tardi decisero di sposarsi. Vivono ad Anterselva e nel gruppo azzurro dello slittino la russa è sbocciata in tutti i sensi. Se salirà sul podio avrà bisogno di un interprete, con Christian parla solo tedesco, ma i problemi nella vita sono altri, o no?