Anatoli Ugorski torna al Conservatorio

Il pianoforte di Ugorski torna ad emozionare. Beethoven e Chopin sono il suo pane quotidiano, i brani del suo repertorio sono ballate e sonate che esegue ormai da anni in tutto il mondo.
Lui è un fuoriclasse: Anatoli Ugorski, nato in Siberia nel 1942 e studente modello del Conservatorio di Leningrado, in epoche passate era costretto dal regime a suonare in sale di second’ ordine. Tornerà a Milano, alla Sala Verdi del Conservatorio, ad incantare con la sua immensa abilità manuale, sfiorando i tasti bianchi e neri con le sue coloriture e la sua sensibilità. Durante il concerto, l’artista eseguirà i «Trois Mouvements de Petroushka» di Igor Stavinskij, 4 Mazurke di Frederich Chopin e 6 Bagatelle di Ludwig van Beethoven.
Sala Verdi del Conservatorio, ore 21, 20/25 euro, tel. 02.66986956.