Ancelotti: «Cancellato un torto»

Galliani ammette: «Ronie si è detto disponibile, ora devo trattare con la società»

Carlo Ancelotti è sollevato e si gode la vittoria di Belgrado e la qualificazione. «Ritorniamo in Champions – commenta –. Ci siamo ripresi quello che ci era stato tolto. Adesso che è finita possiamo dire che non è stato affatto semplice preparare questo preliminare: devo ringraziare tutti, giocatori, preparatori. Tutti. Questa gara non avremmo dovuto giocarla, è stata un’ingiustizia. Ma è andata e ora possiamo pensare al futuro con serenità». Pippo Inzaghi, ancora protagonista come all’andata, è raggiante. «Siamo davvero felici – dice –. È stata una gara difficile e siamo stati bravi a sbloccarla altrimenti i loro tifosi li avrebbero spinti a fare una grande prestazione. Io e il Gila abbiamo giocato bene, anche lui come gli altri, è fondamentale per i miei gol (54 in Europa)».
La qualificazione apre nuovi scenari anche in chiave mercato. Adriano Galliani nel dopo partita ammette: «C’è la disponibilità del giocatore, ma noi adesso dobbiamo trattare col Real Madrid». Con la benedizione di Ancelotti: «Ronaldo è stato il più grande giocatore del mondo e potrebbe tornare a esserlo». Solo conferme da Madrid. Calderon ha reso noto che un incontro con «rappresentanti del Milan» è previsto già per oggi. Il presidente madridista, però, punzecchia i dirigenti di via Turati. «So che hanno già parlato con Ronaldo e non credo sia corretto, ma siamo pronti a riceverli. Comunque, se vogliono trattare il brasiliano, noi non accetteremo soldi: vogliamo qualcosa di diverso». Un’allusione nemmeno troppo velata alla caccia a Kakà: Capello non desiste e per lasciare partire Ronaldo vorrebbe in cambio proprio il fantasista brasiliano. Nelle prossime ore si attendono sviluppi interessanti.