Ancelotti pensa già al Bayern Mercoledì torna anche Dida

Empoli, Champions e Signora, otto giorni decisivi: «Ma oggi possiamo recuperare i primi tre punti»

Gian Piero Scevola

Otto giorni che possono cambiare una stagione. Sono quelli che va ad affrontare Carlo Ancelotti: oggi l’Empoli, mercoledì il Bayern, domenica la Juve a Torino, con in ballo Champions e scudetto. Ma i conti al tecnico rossonero tornano. «Fino a questo momento sono pari» afferma Ancelotti che, a un primo bilancio di stagione del Milan, scopre che pur non avendo brillato soprattutto nella prima parte di campionato, i rossoneri non hanno perso terreno rispetto all’anno scorso. «In Champions siamo allo stesso punto di un anno fa, in campionato abbiamo gli stessi punti: 57 erano allora, 57 sono oggi. Abbiamo avuto qualche difficoltà in più, però è per questo che siamo stati soggetti ad alti e bassi. Ci sono mancati a lungo per infortunio anche dei giocatori cardine. Possiamo però migliorare perché la squadra ha trovato continuità e spero lo possa dimostrare nell’ultima fase di stagione».
Un passo per volta, però. «Abbiamo il dovere di pensare partita per partita, la gara con l’Empoli sarà delicata anche se proporrà difficoltà diverse rispetto a quelle che arriveranno dal Bayern. Gattuso e Seedorf (o Jankulovski) giocheranno, ho un dubbio tra Pirlo e Vogel e anche per Nesta. Ha chiesto il cambio in nazionale, ma solo per i crampi e ha fatto bene Lippi a insistere con la miglior formazione: il test era attendibile e non ne avrà molti altri prima del mondiale. Devo però valutare in quale stato di stanchezza sono rientrati i giocatori dalle varie nazionali. Certo che se riuscissimo a ridurre il distacco dalla Juve, visto che la loro partita è più impegnativa, sarebbe un fatto positivo perché nello scontro diretto avremo un solo risultato: la vittoria e nient’altro».
Ancelotti glissa sulla preferenza data da Materazzi al Milan e sul futuro mercato rossonero, è rammaricato per Amoroso («Non trova spazio, ma le occasioni arriveranno anche per lui») mentre, in prospettiva Bayern, recupererà Dida (oggi in tribuna) e Ambrosini. Maldini e Cafu sono ancora bloccati, e Kakà? «Se è stanco riposa», la lapidaria risposta. Infatti oggi gioca Rui Costa.