Anche gli alunni dalla parte del professore "troppo" severo

Al Parini il caso del professor Davide Cafiero, quarant’anni, spacca
verticalmente il liceo. I contestatori - tra cui la
presidente del consiglio d’istituto e un altro genitore del consiglio -
da mesi subissano il docente di critiche. Un’ispezione ministeriale si è
conclusa con l’assoluzione con formula piena, e con lode, ma le polemiche non si sono fermate

«Macchina del fango»: così, senza mezzi termini, un genitore del liceo Parini etichetta il trattamento cui viene sottoposto ormai da mesi un docente di inglese, accusato di eccessiva severità da alcuni alunni e alcuni genitori, e di cui i leader della protesta hanno chiesto (senza ottenerlo) il trasferimento. Ma adesso sul forum Internet dei genitori del più celebre liceo classico milanese c’è chi scende apertamente in campo in difesa del docente. E pubblica una lettera in cui una intera classe dei suoi alunni ne difende la capacità didattica: severità compresa.
Insomma: il caso del professor Davide Cafiero, quarant’anni, spacca verticalmente il liceo di via Goito. I contestatori - tra cui la presidente del consiglio d’istituto e un altro genitore del consiglio - da mesi subissano il docente di critiche. Un’ispezione ministeriale si è conclusa con l’assoluzione con formula piena, e con lode, di Cafiero, ma le polemiche non si sono fermate. E a uno degli ultimi messaggi contro di lui pubblicati sul forum, in cui gli si dava testualmente del «carnefice», Cafiero ha reagito con una denuncia alla polizia postale.
In attesa che la Procura indaghi, ecco la lettera di una mamma che si proclama «indignata» per il trattamento riservato a Cafiero sul forum dei genitori, «mi sembra proprio che abbiate superato i limiti del lecito, la vostra sembra una vera e propria persecuzione ai danni del prof.Cafiero». E riporta una attestazione di stima firmata dai ragazzi della 4a D dell’anno scolastico 2009/2010: «Il metodo del prof.Cafiero, il quale in un primo momento dell’anno era apparso ai nostri occhi severo e molto esigente, si è rivelato poco a poco di grande efficacia. Non troviamo alcun motivo per cui il professore non dovrebbe continuare a insegnare nella nostra scuola». Chi ha ragione?