Anche a febbraio raccolta in rosso (-900 milioni)

Rallenta a febbraio il deflusso dei fondi di investimento, anche se si conferma l’andamento negativo della raccolta a meno 919 milioni. È quanto emerge dai dati definitivi di Assogestioni, secondo cui è invece in crescita rispetto a gennaio il patrimonio complessivo, assestatosi a 589.596 milioni.
A febbraio, spiega Assogestioni in una nota, continua la progressiva uscita dai fondi di liquidità e dagli obbligazionari, in favore delle categorie dei fondi flessibili, bilanciati, azionari e hedge. Anche lo scorso mese, con una raccolta simile a quella del mese precedente, sono infatti proprio i flessibili i prodotti preferiti dai risparmiatori, con flussi prossimi a 3 miliardi. Seguono i fondi bilanciati con 831 milioni. Gli investitori tornano peraltro a interessarsi alla Borsa e questa tendenza permette alla categoria degli azionari di decuplicare la raccolta e passare dai 60 milioni di euro di gennaio agli oltre 643 milioni di euro di febbraio. Con questo risultato gli azionari continuano il positivo andamento registrato già a partire dall’ultimo mese del 2005.
E continua a crescere anche la raccolta degli hedge fund: la categoria raccoglie circa 361 milioni di euro, il triplo del risultato messo a segno lo scorso mese. A febbraio continua la tendenza iniziata a gennaio che vede una progressiva uscita dai cosiddetti prodotti «parcheggio». I fondi di liquidità, infatti, sono ancora in territorio negativo per oltre 1,8 miliardi di euro. È negativo anche l’andamento degli obbligazionari, che con meno 3,8 miliardi di euro fanno registrare i maggiori deflussi del mese.
Dal punto di vista della tipologia giuridica, il mese è positivo solo per i fondi hedge, che mettono a segno una raccolta di circa 361 milioni. I fondi aperti sono negativi per circa 1,2 miliardi. Con meno 80,5 milioni si ripresenta per il secondo mese consecutivo il segno meno anche per i fondi riservati.