«Anche i cibi possono aiutarci»

«Le mascherine anti-smog? Quelle da chirurgo, di carta, non servono a nulla - spiega Stefano Centanni, docente di Malattie dell’apparato respiratorio alla Statale -. Le uniche che funzionano sono quelle con i filtri, più solide e costose». Il professore dà poi dei consigli alle mamme. «Gli inquinanti pesano, per questo tendono ad abbassarsi e i bambini, per la loro statura, rischiano di più. Portateli a passeggiare nei parchi o in zone con un po’di verde». Lo stesso vale per chi va a correre: «Mai farlo in viali trafficati». Gli effetti dello smog si combattono anche a tavola: «Mangiate cibi con sostanze anti ossidanti, come frutta e verdure. A lungo andare vi aiuteranno».