Anche per i soldati birra e Super bowl

Cade un tabù. Birra e palla ovale: un binomio perfetto, quasi obbligato, negli States. A febbraio, con il Super Bowl, lo sarà proprio per tutti. Dunque, anche per i militari<br />

Bagdad - Cade un tabù. Birra e palla ovale: un binomio perfetto, quasi obbligato, negli States. A febbraio, con il Super Bowl, lo sarà proprio per tutti. Dunque, anche per i militari. Perché con una decisione senza precedenti, il comandante delle truppe americane in Iraq, il generale Raymond Odierno, ha autorizzato i suoi soldati a bere un bella "pinta" di birra in coincidenza di quello che negli Stati Uniti è considerato un vero e proprio grande evento.

Alcol ma con moderazione Si potrà festeggiare ma con moderazione. Il Super Bowl è previsto a Tampa, in Florida, il primo giorno di febbraio prossimo, quando in Iraq saranno le 2 della notte. Certo, giusto per evitare fraintendimenti, nella copia della nuova disposizione di Odierno, diffusa tra i soldati, si legge chiaramente che il bando sugli alcolici nelle aree di guerra sarà revocato solo per un periodo molto breve: "il consumo di bevande alcoliche sarà limitato" al 1 e 2 febbraio, si spiega. Parola d’ordine: non esagerare, bere sì ma con moderazione. Poi si tornerà all’antico.