«Anche i vigili per controllare i clandestini»

«Coordinare le forze di polizia locale con quelle dell’ordine per il controllo dell’immigrazione». Ma anche «potenziare i sistemi di verifica del rispetto delle normative edilizie, sanitarie, commerciali e di sicurezza negli insediamenti abitativi, nei luoghi di culto e nei luoghi di educazione». Sono gli impegni che Letizia Moratti ha preso sul fronte immigrazione con i residenti della zona 2 e che, tra l’altro, vanno di pari passo con gli aiuti «ai regolari» sia per «trovare accoglienza» che per «fornire assistenza sociale».
Obiettivi raggiungibili «attivando una rete integrata di infrastrutture dotate di funzioni e servizi per l’orientamento al lavoro» oltreché garantire «sostegno all’auto-imprenditorialità e al micro-credito in collaborazione con le banche». Promesse che il sindaco ha messo nero su bianco nel suo programma elettorale, dove si preannuncia un «miglioramento dell’illuminazione delle strade» e la creazione di sottopassi «di collegamento tra le stazioni della metropolitana».