Anche «incerottato» Totti in campo contro l’ex Mihajlovic

Un noioso fuori programma nel volo transoceanico che doveva riportare i brasiliani della Roma nella Capitale: quattro ore di ritardo in partenza per l’aereo della compagnia Tam. Julio Baptista e Doni, reduci dalla doppia sfida di qualificazione mondiale con la Seleçao (l’attaccante ha anche segnato nella prima partita con l’Ecuador, il portiere non ha disputato nemmeno un minuto), sono così arrivati in tarda serata. Oggi saranno regolarmente in campo per la rifinitura in vista di Roma-Bologna, domani pomeriggio all’Olimpico. La «Bestia» dovrebbe partire in panchina, visto che Spalletti sembrerebbe orientato a schierare dall’inizio Jeremy Menez, chiamato a dare finalmente risposte positive dopo una serie di prestazioni deludenti. Il francese negli ultimi giorni a Trigoria si è allenato con regolarità.
Ieri seduta mattutina alla quale ha partecipato anche Francesco Totti: prima una parte atletica con Vito Scala (corsetta e brevi scatti), poi ha disputato la partitella. Il capitano della Roma si è presentato sul campo con un vistoso «cerottone» sul ginocchio destro e la novità gli ha portato fortuna: gol, assist e giocate nel corso della sfida in famiglia. Splendido il passaggio che ha smarcato Loria davanti alla porta. Domani il numero dieci sarà titolare, pronto a staccare il quindicesimo tagliando in campionato di una stagione mai così travagliata e fatti di continui stop and go. «L’infiammazione al ginocchio va e viene, devi conviverci», gli è stato detto mercoledì a Villa Stuart dopo il quarto consulto dell’ultimo mese. Ora Totti vorrebbe dare il suo contributo nelle ultime nove partite per la conquista dell’importante quarto posto.
Daniele De Rossi tornerà invece dopo un mese di assenza (tre partite saltate per squalifica, quella di Champions con l’Arsenal e le due di campionato con Sampdoria e Juventus) anche se ha giocato 180’ nella Nazionale di Lippi. Mexes, rientrato dalla Francia dopo le partite con i Bleus e il solito ritardo aereo che lo ha fermato in patria giovedì, si è allenato regolarmente.
Sicuri assenti Juan, Vucinic, Aquilani e Cicinho, in forse la convocazione di Taddei e Cassetti. Il brasiliano si è dedicato ai gradoni, il terzino (insieme a Juan) ha svolto un lavoro differenziato, toccando anche il pallone. Dovrebbero rientrare per il derby, così come Vucinic - ieri solo fisioterapia - fermato da uno stiramento al gluteo che lo ha fatto tornare in anticipo dal ritiro della propria nazionale. Fisioterapia per Aquilani che ieri a una domanda sulle sue condizioni da parte di alcuni tifosi, ha scosso la testa in senso negativo: «Non so quando potrò rientrare».
La squadra vorrà sicuramente dedicare un successo al presidente Rosella Sensi che in settimana è diventata mamma di Livia e che domani seguirà in tv la partita della Roma con il Bologna dell’ex Mihajlovic. E a proposito di ex, quello della Lazio Marco Di Vaio, ora in maglia rossoblu e capocannoniere del campionato, non vuole saltare la sfida dell’Olimpico dopo una settimana di acciacchi. «Domani ci sarò - ha detto ieri ai microfoni di Roma Channel l’attaccante 33enne nato nella Capitale -. Spero di fare i gol che saranno necessari per salvare il Bologna, ma quella contro i giallorossi sarà una gara difficile».
Domani arbitrerà Damato di Barletta: un solo precedente con i giallorossi, il 2 settembre 2007, 3-0 all’Olimpico sul Siena.