Anche Kutuzov in dubbio, restano Foti e Colombo

La Sampdoria fa i conti con la solita emergenza: il bielorusso non si è allenato

Emmanuele Gerboni

Ormai bisognerebbe fare così, li chiami tutti nello spogliatoio, ci sono le maglie appese, non serve nemmeno annunciare la formazione, perché sono giusti, giusti quelli abili e arruolati. Tu chiamala se vuoi emergenza, non serve il dizionario dei sinonimi. Siamo all'allarme rosso fuoco. Il nome perfetto è quello per raccontare che sarà un’altra vigilia blucerchiata con il naso nell’infermeria. Perché il test in famiglia di ieri pomeriggio ha portato la solita ventata di piccoli, grandi dubbi.
Partiamo dall’attacco che si potrebbe ritrovare anche senza Vitalii Kutuzov. Accusa ancora qualche problema all’adduttore, è rimasto a riposto, il suo recupero è una missione impossibile. Francesco Flachi è squalificato, quindi al scelta è soltanto quella: Corrado Colombo e Salvatore Foti a braccetto, e neppure loro scoppiano di salute. Costruiamo la possibile formazione, andando all’indietro. Centrocampo, tre certezze e di questi tempi sono una gran cosa. Sulla sinistra Max Tonetto, mentre la cabina di regina sarà affidata come sempre a Sergio Volpi (sempre più vicino al rinnovo del contratto) e Angelo Palombo. Poi c’è una figurina che manca nell’album di domenica prossima, chi giocherà sulla fascia destra? Il candidato principale era Andrea Gasbarroni, aveva capito bene: lo era prima della partitella di ieri con la Primavera (gol di Colombo e Volpi). Ha giocato, ma non è apparso ancora al top. E così deve ricominciare la caccia al prescelto.
Novellino potrebbe anche spostare Cristian Zenoni sulla linea dei centrocampisti, rinunciando, però, all’idea originaria. Che era quella di riproporre la vecchia guardia in difesa, che l’anno scorso aveva costruito un bel muro dieci per dieci davanti ad Antonioli. Cioè un turno di riposo a Iuliano (che ha già ricevuto tre gialli – compresa la doppia ammonizione di Verona – in appena un tris di gare), spazio alla coppia Falcone e Castellini, sulla sinistra ovviamente Pisano. Quest’anno avevano giocato insieme solo una volta ad Ascoli, un girone fa. Invece, i problemi di Gasbarroni rischiano di far saltare il progetto. Se davvero Zenoni dovesse trasformarsi in centrocampista, il pacchetto difensivo sarebbe tutto da rifare: Castellini e Pisano sulle corsie laterali, Falcone e Pavan al centro. Non abbiamo parlato ancora di Diana, anche lui non è al meglio, ancora out per la contrattura rimediata domenica. Il laterale è anche diffidato, più indizi per pensare che Diana rimarrà a riposo nella trasferta toscana. Anche perché la prossima partita sarà quella con la Juve. A proposito, il centrocampista sarà convocato da Marcello Lippi per l’amichevole che la nazionale azzurra disputerà a Firenze il prossimo 1 marzo con la Germania. Un antipasto di Mondiale, prove tecniche per quello che sarà il futuro. E sicuramente la presenza di Diana in questo round è un segnale significativo. Intanto, i giovani blucerchiati andranno a lezione dagli arbitri della sezione AIA di Genova. Il tutto da oggi. Dureranno un mese. Appuntamento ogni venerdì al campo sportivo «3 Campanili» di Bogliasco. Dalla Primavera ai Pulcini. Si parlerà di nuove regole ma anche di educazione sportiva.