Anche l’irreale ha le sue regole

Come e quando lanciare un incantesimo, come camuffare il proprio personaggio, come utilizzare armi (ovviamente in gommapiuma) e poteri magici. È estremamente dettagliato il regolamento per entrare nel magico mondo di Dogma, il continente immaginario dei giocatori di ruolo milanesi. Una sorta di Fantàsia della Storia infinita, dove tutto è possibile, dove gli dei sono governati da Caos, dove ci sono gerarchie, accademie e si respira aria tolkeniana in ogni angolo. Il gioco consiste in una recita collettiva con una trama che si evolve secondo le azioni compiute dai giocatori che interagiscono tra loro recitando. Il master fa da arbitro e stabilisce gli obbiettivi da raggiungere: salvare un buono, eliminare un cattivo, scoprire un segreto. I giocatori sono liberi di scegliere con chi schierarsi, saranno le loro azioni a determinare l’esito del gioco. Nel fantasy si può anche morire e il personaggio che viene ucciso non può più essere reinterpretato.