Anche Mentana pesca tra i poliziotti anti-bufala

Nel gergo della Rete si chiamano «debunker» e il termine deriva dall'inglese «bunkum», che sta per balla o fandonia. Sono i demistificatori, gli scopritori di bufale, che passano al setaccio siti e social per mettere in luce mezze verità e clamorose bugie.

Il papà della categoria in Italia si chiama Paolo Attivissimo, 55 anni, che sul suo sito (www.attivissimo.net) si definisce «giornalista informatico e cacciatore di bufale». Attivissimo, che vive in Ticino e lavora per la tv e la radio svizzera, ha demistificato filoni storici del complottismo internettiano, alcuni dei quali ben rappresentati nel movimento grillino: i miti nati intorno all'11 settembre, le scie chimiche, o lo sbarco sulla luna («Luna? Sì, ci siamo andati!», è il titolo di un suo libro sul tema).

A cavallo tra giornalismo e informatica si muove anche Michelangelo Coltelli, bolognese, che ha fondato e gestisce il sito butac.it (l'acronimo butac sta per «bufale un tanto al chilo»). Coltelli ha una particolarità: di mestiere fa il gioielliere e ha iniziato a occuparsi di notizie false sul web come reazione alla campagna no-vax. «Dovevo vaccinare mia figlia e mi sono accorto di quante leggende metropolitane circolavano in Rete». Da lì in poi è stato un crescendo: su Butac.it Coltelli pubblica e aggiorna una «lista nera» dei siti a rischio bufala, e prende di mira le pseudo notizie del mondo virtuale, ma anche pigrizie e mistificazioni degli organi di informazione «istituzionali». «Le bufale sono sempre esistite», spiega. «Ma la velocità con cui si diffondono e la loro viralità ha cambiato le regole del gioco. Noi contribuiamo ad arginarle. Ma la vera soluzione è far crescere lo spirito critico, soprattutto tra i ragazzi».

Direttamente dalla Casaleggio Associati (da cui però ha dato le dimissioni prima della definitiva svolta politica) arriva invece, David Puente, friulano di origine venezuelana. Ex giocatore di football americano, Puente ha gestito siti importanti come quelli del Fatto Quotidiano dell'Italia dei valori o dello stesso Beppe Grillo. Sul suo blog (davidpuente.it) è particolarmente attento ai tentativi di disinformazione campo politico Dal primo novembre lavora con Enrico Mentana per dare vita al nuovo quotidiano online che il direttore del TG della Sette aveva annunciato qualche tempo fa.

AA