Anche Meridiana-Eurofly chiede 40 slot a Linate

Anpac e Up hanno avviato le procedure per la dichiarazione del primo di una serie di scioperi dei piloti di Alitalia che saranno indetti a partire da marzo. «Tutte le aperture e i tentativi di riprendere il confronto - si legge in una nota - sono stati rifiutati dal management della compagnia» e questo, unito «all’applicazione distorta» degli accordi contrattuali, soprattutto riferiti alle procedure di assunzione, «sta generando un clima interno invivibile e un crescente senso di sfiducia dei piloti verso l’azienda». Secondo Anpac e Up il clima viene chiaramente percepito in modo negativo dalla clientela che, sempre più numerosa, sta abbandonando gli aerei di Alitalia (e di Air One); il coefficiente di riempimento dei velivoli sarebbe «in caduta libera», «intorno al 39%».
Uno dei fronti di polemica sempre rovente è l’irrisolta querelle Malpensa-Linate, relativa alla riorganizzazione del traffico aereo milanese e lombardo. Ieri l’ad di Intesa Sanpaolo, Corrado Passera, ispiratore del piano di privatizzazione di Alitalia, si è detto in disaccordo con il sindaco di Milano, Letizia Moratti, la cui posizione è di difesa di Linate. Alitalia chiede un ridimensionamento dello scalo cittadino nell’ottica di una valorizzazione di Malpensa.
Ieri frattanto, dopo l’annuncio di EasyJet di aver chiesto 30 slot a Linate, anche il gruppo Meridiana-Eurofly ha annunciato di aver fatto domanda per ottenere 40 slot. Meridiana ricorda che è in fila da oltre 10 anni e di aver richiesto anche nel 2008 e 2009 oltre 40 slot sull’aeroporto di Linate. La compagnia ricorda che la tariffa che Meridiana-Eurofly offre sulla linea Linate-Roma (41 euro tutto incluso) è più bassa circa del 70% rispetto a quella media applicata dall’unico vettore concorrente.