Anche Milly D'Abbraccio si candiderà a Monza Super sfida con Cicciolina

Un'altra pornostar vuole presentarsi ai cittadini di Monza per la poltrona di sindaco. Dice di voler puntare sulla concretezza, valorizzando il patrimonio della città, a partire dalla cultura

Cicciolina ha fatto scuola. Dopo di lei anche Milly D'Abbraccio ha deciso di candidarsi per il Comune di Monza in quella che si preannuncia come una campagna elettorale decisamente "calda". E non solo per i temi politici. Emilia Cucciniello, questo il suo vero nome, pornostar e produttrice discografica, non ha ancora un programma politico ma rivela che ci sta lavorando. 

L'impegno politico per lei non è una novità: già tre anni fa si è candidata, con i Socialisti, per il Municipio X di Roma. Quella volta nonostante il manifesto irriverente che fece discutere e finì su tutti i giornali ("Basta con queste facce da c..." e in primo piano un sedere di donna) tutto si concluse in un flop: prese appena 19 preferenze. Stavolta, come candidato sindaco nella città del Gran premio di F1, spera di fare meglio. Come rivela al Giorno vuol puntare sulla "concretezza", lottando contro il malcontento dei cittadini. Perché - e qui cavalca decisamente l'antipolitica - "oggi ognuno sembra muoversi solo dove ha interessi o convenienza". Poi promette di valorizzare il patrimonio di Monza, a partire dalla cultura.

Con tono scherzoso si rivolge anche al premier Berlusconi: "Non è assolutamente vero che le donne di sinistra sono brutte e trascurano l'aspetto fisico. Io che mi reputo di sinistra, mi sento socialista, sono convinta di essere la dimostrazione del contrario. Le donne di sinistra sono belle e anche intelligenti". 

A chi, maliziosamente, le chiede se sarebbe disposta a stringere un'alleanza con Cicciolina, risponde così: "Chissà, perché no?".  Dopo aver sognato, per Roma, una "love city" (un vero e proprio quartiere dell'amore), chissà quale nuovo asso tiene nella manica per sfondare nell'elettorato di Monza. Sexy shop, locali per strip e lap dance o qualcosa di simile? C'è il sospetto, però, che alla fine né la D'Abbraccio né Cicciolina abbiano come obiettivo qualcosa di diverso dalla pubblicità. Ma attenzione, loro potrebbero rispondere così: siete davvero sicuri che tutti gli altri candidati "seri" siano veramente interessati alla politica?