«Anche nel 2006 meglio scegliere il mercato azionario»

Anche per il 2006 l’investimento azionario sarà premiante. Queste le previsioni della primaria casa di investimento svizzera Julius Baer, che ritiene possibile superare i livelli massimi raggiunti all’inizio del 2000; a sostegno di questa tesi la crescita economica globale, che dovrebbe superare il 4%, confortata da maggiori utili societari e da un aumento pressochè generale dei consumi. Quanto a previsioni, la casa svizzera ritiene possibile, per il prossimo anno, un aumento realistico delle Borse intorno all’8%; tra i settori azionari da preferire i titoli farmaceutici, dei beni di consumo e dell’information tecnology. Più cauta l’opinione sugli obbligazionari, dove sarebbero da preferire i bond statali, sempre che l’inflazione rimanga tra il 2 ed il 3% sia negli Usa che in Europa. Riserve per gli edge fund, mentre un giudizio positivo viene espresso per i fondi immobiliari.