«Anche noi siamo buone madri»

da Roma

«Essere lesbiche non preclude la possibilità di essere buone madri». Cristina Gramolini, segretaria nazionale di Arcilesbica si dice molto contenta per la sentenza emessa da Strasburgo. «La sessualità non pregiudica la possibilità di essere genitori attenti e amorevoli. Ci sono donne che hanno rapporti stabili e non fanno mancare ai loro figli anche figure maschili di riferimento: lo zio, il fratello, un caro amico». In Italia l’adozione per i single non è possibile perché, dice la Gramolini, «si guarda alla realtà con i paraocchi dell’ideologia mentre nella realtà ci sono persone che soffrono perché non possono avere figli e bambini che restano soli mentre potrebbero avere una famiglia che li accoglie con amore».