Anche la storia del musical fa spettacolo

Grandi titoli in pillole questa sera con «Tutto fa... Broadway» di Pietro Garinei

Alessandra Miccinesi

Uno spicchio di Broadway accoccolato sulle sponde del laghetto dell’Eur, solo per questa sera. Dopo lo straripante successo riscontrato sin dal debutto, torna sul palcoscenico del Dreaming Festival - ore 21 - il musical «Tutto fa... Broadway». Già, Broadway. Un ironico gioco di parole per descrivere uno show divertente e ben congegnato, tra decine di cambi d’abito, scenografie articolate, e una colonna sonora memorabile. Un musical luccicante di lustrini e paillettes, sogni e memorie, che fa andare in tandem le hit statunitensi ballabili sulla pista illuminata della discoteca anni ’70 alle melodie italiane da ballo lento che riportano a galla gocce di musical storici come «Rugantino» e «Aggiungi un posto a tavola». «Tutto fa... Broadway», scritto da Pietro Garinei, è uno show che alterna la vivacità dello swing di Cole Porter e Gershwin alla nostalgia per le canzoni di Renato Rascel e Trovajoli. Un cocktail musicale davvero irresistibile, quello che avvicina «Roma nun fa la stupida stasera» a «Acqua azzurra acqua chiara» di Battisti, «Soldi soldi» e «Rudy», con passi coreografici firmati da tre grandi nomi del ballo Gino Landi, Don Lurio e André De La Roche.
Sul palcoscenico ci sono Antonello Angiolillo, Sabrina Marciano, Fabrizio Paganini, e Laura Rocco, meglio noti come il Quartetto G. Ballano, cantano e recitano, proprio come i loro colleghi statunitensi e si sono fatti le ossa sulla scena rubando il mestiere a un altro grande del nostro proscenio, Johnny Dorelli.
Info: 06/97611491.