Ancora grave il professionista ferito in studio

Non è ancora fuori pericolo l’amministratore condominiale pugnalato l’altra sera nel suo studio in via don Minzoni a Sesto San Giovanni. Mentre i medici, che non hanno ancora sciolto la prognosi, si prodigano intorno al 46enne, colpito da 4 fendenti al braccio, al petto e alla schiena, la polizia è sulle tracce del suo aggressore, forse un cliente insoddisfatto.
Intorno alle 19.30 di giovedì, il parrucchiere che lavora vicino al portone d’ingresso dello studio di E.S., lo aveva trovato riverso sul marciapiede. Sembra che l’amministratore abbia ricorso uno sconosciuto che, poco prima dell’orario di chiusura, si è introdotto nei locali di via Don Minzoni 114 e lo ha accoltellato prima al petto e poi alla schiena. Il professionista ha perso molto sangue.
Ricoverato d’urgenza all’ospedale Niguarda, E. S., è stato sottoposto a un intervento chirurgico durato diverse ore. Secondo una prima ricostruzione delle forze dell’ordine, un uomo, alto un metro e ottanta e avvolto in un giubbotto scuro, si sarebbe introdotto nello studio dell’amministratore e, scambiate poche parole, lo avrebbe accoltellato quattro volte per poi fuggire. L’uomo ha cercato di difendersi. Si è anche trascinato all’esterno dell’edificio per rincorrerlo e cercare aiuto.
I poliziotti pensano che possa trattarsi di un cliente insoddisfatto che può avere litigato con l’amministratore per problemi legati a qualche stabile da lui gestito. Forse l’aggressore ha anche preso un appuntamento con E.S. Per questo le forze dell’ordine stanno controllando i tabulati telefonici. Non viene nemmeno scartata l’ipotesi di una rapina finita male anche se dallo studio non sembra mancare nulla. In entrambi i casi, le forze dell’ordine pensano che lo sconosciuto in realtà fosse molto vicino alla vittima dato che sapeva quando la segretaria avrebbe lasciato lo studio per recarsi a casa.