Ancora vendite su Tiscali

Tenaris in forte rialzo più 9,15%

Piazza Affari ha chiuso ieri in ribasso nonostante il lieve rialzo di metà giornata che l’aveva portata a recuperare le perdite accumulate nella prima parte. A provocare l’arretramento degli indici milanesi, l’avvio piatto e il successivo ribasso di Wall Street, penalizzata dal rallentamento dell’indice Fed di Philadelphia che ha trascinato il Dow Jones sotto la fatidica soglia dei 12mila punti. Il bilancio finale ha visto il Mibtel perdere lo 0,27%, mentre l’S&P/Mib e l’All Stars sono arretrati rispettivamente dello 0,32 e dello 0,7 per cento. In forte calo Tiscali (-3,96%) sulle indiscrezioni circa l’abbandono di Vodafone della trattativa per l’acquisto della società sarda che pare chieda un prezzo giudicato troppo alto. Sempre tra le tlc, Telecom Italia perde il 2,31%, Fastweb, in controtendenza, guadagna lo 0,38%. Bene Tenaris (più 9,15%) in un comparto energetico molto contrastato. Eni ha perso lo 0,66%, Enel lo 0,51%, A2A ha guadagnato il 2%. Fiat, nel giorno in cui a Milano si è alzato il sipario sull’attesa Alfa MiTo, è arretrata del’1,93%. Per quanto riguarda i finanziari, recupera Mediobanca (+3,75%), cedono Intesa Sanpaolo (-1,13%) e Unicredit (-0,37%), Generali lima lo 0,04%. Nel resto d’europa Parigi ha registrato un ribasso dello 0,59%, Francoforte dello 0,12% e Londra dello 0,84%. In Francia vendite su Bouygues (-2,77%), risentendo della debolezza dell’intero settore delle costruzioni e Eads (-2,51%) nell’attesa della gara per l’Air Force Usa che vede contrapposta la società francese, insieme al partner Northrop Grumman, alla Boeing. In controtendenza in Germania Allianz (+0,34%) sui rumor che Santander sta per rilevare la controllata bavarese Dresdner Bank.