Ancora violenza contro i cristiani in EgittoDisordini al Cairo: 12 morti e 232 feriti

È di almeno 12 morti il bilancio delle vittime degli scontri fra cristiani e musulmani scoppiati questa notte in un quartiere del Cairo: i disordini più gravi sono avvenuti nei pressi di una chiesa copta nel quartiere di Imbaba. La polizia ha arrestato 190 persone

Il Cairo - È di almeno 12 morti e 232 feriti il bilancio delle vittime degli scontri fra cristiani e musulmani scoppiati questa notte in un quartiere del Cairo: lo hanno reso noto fonti della sicurezza egiziana, senza fornire ulteriori dettagli. I disordini più gravi sono avvenuti nei pressi di una chiesa copta nel quartiere di Imbaba, attaccata da un gruppo di musulmani: secondo alcune testimonianze gli assalitori credevano che una donna che voleva convertirsi all’islam fosse tenuta prigioniera nell’edificio. L’esercito, intervenuto in forze, ha arrestato 190 persone, mentre una delle più alte autorità religiose del Paese, il Gran Mufti Ali Gomaa, ha chiesto di "non mettere a rischio la sicurezza del Paese" affermando che i responsabili delle violenze "non possono essere persone veramente religiose, cristiane o musulmane".