Andiamo tutti insieme a visitare i luoghi dove si è fatta l'Italia

Dal 10 al 13 luglio soggiorno ad Asiago accompagnati da due storici e giornalisti: Giordano Bruno Guerri e Matteo Sacchi

«Il Piave mormorava, calmo e placido, al passaggio dei primi fanti il 24 maggio». Esattamente cento anni fa, il 24 maggio 1915, l'Italia entrava in guerra contro gli Imperi centrali, gettandosi nella Prima Guerra Mondiale dieci mesi dopo l'inizio delle ostilità in Europa. E, cento anni dopo, proprio sabato 23 maggio il Giornale inizia a pubblicare la nuova collana di libri «Viaggi nella Storia» con i primi due volumi dedicati agli itinerari della Grande Guerra. Ma, per i propri lettori, il Giornale farà anche qualcosa in più e di diverso. Vi accompagnerà in un viaggio in alcuni dei luoghi più significativi di quel periodo. Una nuova iniziativa per tutti gli appassionati di storia, di cultura e di Italia, ma non solo. Andremo infatti tutti insieme a visitare i luoghi dove si è fatta l'Italia.

Il primo Itinerario della Grande Guerra che vi proponiamo sarà ad Asiago dal 10 al 13 luglio. Tra panorami, trincee, musei, forti, sacrari e tanta natura. E saremo accompagnati nel viaggio da due storici e giornalisti d'eccezione: Giordano Bruno Guerri e Matteo Sacchi.

L'Altopiano di Asiago è ancor oggi fortemente contrassegnato dalle testimonianze della Grande Guerra. Dal 1915 al 1918 su questa terra hanno avuto luogo alcune delle più sanguinose battaglie combattute sul fronte italiano: la «Strafexpedition», l'Azione K, meglio nota come la Battaglia dell'Ortigara, la Battaglia del Natale 1917 e la Battaglia del Solstizio. A cent'anni di distanza, appaiono in tutta la loro evidenza i segni di quell'immane conflitto: i forti, le trincee i campi di battaglia, i cimiteri. Per tanti lettori sarà una buona occasione per rivedere, accompagnati da storici, giornalisti e guide esperte, luoghi magari già visitati. Per altri sarà una nuova esperienza poter vedere con i propri occhi, in un contesto di naturale bellezza e assieme ad altri appassionati, le zone dove tanto spargimento di sangue ha effettivamente forgiato gli italiani formandone un Paese finalmente unito. E dove magari hanno combattuto anche i nostri padri o nonni. Più che la proclamazione del Regno d'Italia il cameratismo nato nelle trincee tra triveneti, lombardi, piemontesi, siciliani, pugliesi, campani, sardi ecc, è stato il vero momento fondante della nostra Patria. Gli itinerari scelti per questo viaggio, in collaborazione con il Comune di Asiago, sono tutti interessanti e le mete facilmente raggiungibili. Adatti a tutte le età. Abbiamo comunque inserito delle escursioni facoltative e altre libere per chi volesse raggiungere altri luoghi significativi a piedi o in bicicletta lungo i sentieri tra i boschi o in montagna.

Inoltre, prima o dopo il nostro viaggio tutti insieme, nel giro di pochi chilometri da Asiago è possibile effettuare una serie di interessantissime visite culturali ed enogastronomiche da organizzare in piena autonomia: dalla Riviera del Brenta con le sue Ville Palladiane a città gioiello come Vicenza, Padova, Treviso, Verona e, volendo, anche Venezia. Da non dimenticare cittadine come Bassano del Grappa, Este, Monselice, Vittorio Veneto, la zona di produzione del Prosecco, il Lago di Garda, il Vittoriale, ecc. Davvero una scelta variegata e quasi infinita.

Due le modalità di partecipazione: la prima con arrivo con mezzi propri e ritrovo direttamente in hotel ad Asiago; la seconda con partenza di gruppo con bus privati da Milano. Una volta arrivati saremo tutti insieme per 4 giorni con un programma denso di cose da vedere e da fare ma con ampi spazi dedicati al relax, al piacere della tavola, agli incontri di socializzazione tra i lettori e alle conferenze - dibattito con i vostri giornalisti che, in questo caso, sono anche famosi storici.

Non dimentichiamo anche che in Italia a luglio farà molto caldo e l'altipiano di Asiago offre un clima perfetto, fresco e asciutto. Proprio per questo avremo anche del tempo libero per effettuare escursioni nella natura a piedi o in bicicletta per raggiungere fortini, postazioni militari e trincee passeggiando tra boschi e montagne. Liberi o accompagnati da esperte guide locali. Non mancherà poi la possibilità di visitare anche qualche caseificio per assistere alla produzione del famoso formaggio Asiago oppure l'Antica Apicoltura Kaberlaba per scoprire la produzione del miele e dei suoi derivati alimentari e cosmetici. Anche il grande Osservatorio Astronomico merita una visita e sull'altopiano di posti interessanti da vedere ce ne sono davvero tanti.

I posti sono limitati. Se non volete perdere questa occasione di viaggiare con noi, prenotate subito.

Per informazioni e prenotazioni: Passatempo, tel. 035.403530, info@passatempo.it.