András Schiff affronta il Beethoven della celebre «Appassionata»

Non poteva mancare András Schiff tra i protagonisti della rassegna «Pianoforte a 5 stelle». Il pianista ungherese continua il suo viaggio attraverso l’integrale delle 32 sonate di Beethoven quesa sera presso la Sala Santa Cecilia. In programma cinque sonate tra cui la celeberrima «Appassionata». Schiff si avvicina, nel suo sesto concerto, al pianismo beethoveniano più maturo e pervaso di una virile dolcezza, che culminerà negli struggimenti di una delle più belle sonate dell’intero corpus, «Les adieux op. 81». La sonata n. 23 op. 57, pubblicata nel 1807, è stata chiamata «Appassionata» in occasione di una seconda edizione e sembra che anche a Beethoven la definizione non dispiacesse. «Un torrente di fuoco in un letto di granito», la celebre frase con la quale Roman Rolland descrisse l’«Appassionata» ben si attaglia alla fase creativa che il genio di Bonn stava attraversando. Il concerto avrà inizio alle 21.