Andrea Tornielli vince il Torre di Castruccio

Andrea Tornielli, vaticanista del Giornale, ha vinto l’edizione 2005 del Premio Nazionale culturale Torre di Castruccio. La giuria, che in passato ha assegnato il premio a studiosi come Antonino Zichichi, Vittorio Sgarbi, a scrittori come Vittorio Messori e Carlo Lucarelli, per citarne alcuni, gli ha assegnato il premio per il giornalismo (già assegnato in passato a Sergio Zavoli, Giampiero Mughini, Xavier Jacobelli, Lamberto Sposini) e ha inteso sottolineare «la sensibilità e competenza con la quale Tornielli ha svolto la sua professione anche in momenti delicati come la morte di Giovanni Paolo II e l’elezione di papa Ratzinger; le sue pubblicazioni lo rendono un esempio per chiunque voglia trattare le tematiche storico-religiose all’interno del mondo del giornalismo».
Con Tornielli sono stati premiati per le altre sezioni del premio anche lo scultore Luciano Massari, il saggista Claudio Marabini, lo scrittore Eugenio De Signoribus, il filosofo Gianni Vattimo. A Tornielli è andato anche il riconoscimento Torre d’Argento per la sua biografia del nuovo Pontefice Benedetto XVI - Il custode della fede (Piemme). La premiazione si svolgerà domenica 31 luglio all’Hotel Mediterraneo di Marina di Carrara.