Andreolli tra Inter e Roma sceglie la moda

Baby fenomeni come Vincenzo Sarno di Secondigliano, ingaggiato dal Torino a undici anni per 120 milioni di lire. Una notizia che fece scandalo, ma lui palleggiava davanti alla televisione e lo chiamavano il piccolo Maradona. Adesso ha 19 anni e dice: «Soldi non ne ho mai visti e tutte quelle aspettative attorno al mio nome mi hanno nuociuto. Anzi alcuni compagni, specie i più invidiosi, mi prendevano in giro per quel mio soprannome». Adesso gioca in C1 e continua a sperare di giocare in serie A. Oppure Diego Armando Maradona junior, ragazzo simpatico e semplice schiacciato sotto una montagna. Qualunque cosa abbia fatto nella vita, è sempre finita su qualche titolo, il reality nel Cervia, un calendario promosso dall’Assessorato di Napoli assieme alle figlie di Ornella Muti, una antipatica vicenda al Quarto, piccolo club di serie D della provincia di Napoli che ha lasciato, dicono, in quanto non gli garantivano un posto in squadra. Neppure questa è vera, ma lui è ormai un ragazzo di 21 anni che ha imparato a difendersi con intelligenza: «Il mio cognome è un problema solo per gli altri. Come un club si interessa a me, la gente pensa che in verità sia interessato al mio cognome». C’è un blog dove i tifosi hanno aperto un dibattito: l’ho perso di vista, dove gioca Maradona junior?
Loro sono solo la punta dell’iceberg, qualcuno ha avuto più fortuna ma poi si è perso ugualmente, come Francesco Coco che fino a settembre dello scorso anno pensava alla maglia azzurra e agli Europei. E qualcuno ora si preoccupa per Marco Andreolli, talento difensivo, titolare dell’Under 21 che tra un mese si gioca i Giochi. Inter e Roma hanno appena rinnovato la comproprietà, a 18 anni il suo esordio all’Inter, nel luglio del 2007 un infortunio alla schiena, instabilità vertebrale, poi discopatia, esce dalla serie A e a gennaio va in prestito al Vicenza, nuovo infortunio, rientra dopo un mese e all’11 è protagonista di uno sciagurato autogol, le ultime partite con l’Under poco convincenti. E adesso? Marco sfila, testimonial della nuova collezione Eyewear firmata Bikkembergs by Dirk Bikkembergs, c’è chi si perde per strada, lui invece rischia di perdersi su una passerella. Fidanzato con Anna Paola, modella, e per qualcuno il problema è tutto qui, ma lui si ribella: «Non sono un modello, sono un calciatore. È iniziato tutto per gioco, andai a fare una sfilata con la Primavera dell’Inter, poi sono diventato testimonial, ma voglio tornare in campo».