Andria e un mare di vero olio

Gabriele Zanatta

Parte giovedì 3 agosto, dal frantoio dei Fratelli Galantino di Bisceglie, www.galantino.it, la prima tappa di Sogni nelle notti di mezza estate, kermesse musicale-artistica-mangereccia che per tutto agosto veste a festa diversi luoghi della bontà della Strada dell'olio di Castel del Monte. Quali luoghi? E quali bontà? Siamo tra il Barese settentrionale e la Murgia più selvaggia, un'area scandita da masserie, boschi, cattedrali e da borghi come Andria, Barletta, Bisceglie, Canosa di Puglia, Corato o Trani, satelliti che ruotano tranquilli attorno al maniero di Castel del Monte, ideale centro da cui si ramificano sterminate file di ulivi. Facile, in un contesto così, indovinare il vessillo eno-culinario sventolato dalla Strada: l'olio extravergine dop. Il quale valorizza a mille le altre delizie regalate dal territorio, arricchendole del gusto intenso, fruttato e pizzichino tipico dell'oliva coratina: chi passa di lì, ne versi un filo su lampascioni o cime di rapa, perfette se accalcate in un piatto con orecchiette, strascinati, cavatelli o capunti, le paste di semola di grano duro plasmate dalle mani superbe delle massaie di qui. Le liete novelle non sono finite perchè quest'olio non spaventa i colesterolemici: «Difficile trovarne un altro più salutare - garantisce Nunzio Liso, presidente della Strada dell'olio di Castel del Monte, www.stradaoliocasteldelmonte.it, e titolare di un frantoio- bed and breakfast, www. podereliso.it -. È infatti molto ricco di polifenoli, garanzia di longevità per chi lo beve e per l'olio stesso, che può durare fino a due anni». Fate dunque incetta dell'olio imbottigliato nel 2005, ottima annata che viene via a 5 al litro.