Angelina spara sdraiata sul cofano nel poliziesco più inverosimile

Spara come una matta Angelina Jolie. Pistola, mitra, bazooka, tutto fa brodo. In piedi, seduta, perfino sdraiata sul cofano di una Ferrari in corsa. Altro che Rambo. La gente che andrà al cinema per sorbirsi questo sconclusionato, sanguinolento e assordante Wanted - Scegli il tuo destino, diretto da un tizio dal nome ostrogoto, lo farà soprattutto per lei. E le signore faranno notare con soddisfazione ai partner che se la coscia è ancora stagna, attorno alla bocca siliconata compaiono le prime preoccupanti rughe. La storia, naturalmente inverosimile e con un tasso d’ironia ai minimi termini, è presto detta. Il remissivo contabile Wesley (James McAvoy), vessato in ufficio e cornificato dalla fidanzata, si riempie di pillole contro l’ansia. Fatale è l’incontro con la seducente Fox (la Jolie), che, dopo averlo sottratto al micidiale pistolero Cross, gli rivela: ha appena ucciso tuo padre, infallibile killer della Confraternita; sarai tu a vendicarlo. Il ragazzo entra così nel castello dove il millenario club anticrimine è camuffato da azienda tessile. Il gran capo Sloan (Morgan Freeman) lo sottopone a un tirocinio durissimo, con botte da far schiattare un toro. Ora vai e uccidi il rio, gli sibila. Nella frenetica rimanenza c’è anche una (mezza) sorpresa. Due le scene da cuore in gola, con frastuono adeguato: un estenuante autoscontro e un treno in caduta libera. Peccato che tra le molteplici sequenze d’azione, s’insinuino ridicole disquisizioni filosofiche, quasi sempre affidate allo svogliato Morgan Freeman. Se lo vede chi gli diede l’Oscar, ne pretenderà giustamente la restituzione.

WANTED - SCEGLI IL TUO DESTINO di Timur Bekmambetov (Usa, 2008) con James McAvoy, Angelina Jolie. 104 minuti