Animali: approvato il codice

Con trentadue voti favorevoli e undici astenuti, il consiglio comunale ha detto sì al nuovo Regolamento comunale per la tutela degli animali. Che significa, ad esempio, sì al divieto di tenere il cane in catena per più di otto ore al giorno, vita più difficile ai circhi in città - dovranno avere il permesso di Comune e Asl e dimostrare che non arrecano stress agli animali -, mai più pesciolini rossi in premio al luna park o animali esotici nelle esposizioni. Addio anche alla tradizionale Fiera del cucciolo: da ora in avanti saranno banditi dalle mostre gli esemplari con meno di dodici mesi. Severo ma necessario insomma, anche se qualche consigliere lo ha giudicato un prodotto di «estremismo verde».
Soddisfatto invece il consigliere dei Verdi, Maurizio Baruffi: «Il regolamento nasce dal dialogo con la città, sono stati votati emendamenti suggeriti dalle associazioni. I diritti degli animali ora hanno un codice che pone Milano all’avanguardia». E se non basterà il documento, entrerà in campo il loro nuovo «avvocato». Il regolamento infatti istituisce anche il Garante degli animali, nominato dal sindaco. Sorveglierà, ad esempio, che non si taglino più orecchie e code per motivi estetici.