Annie Lennox, che voce tra impegno e lirismo

Una morbida, cangiante armonia di piano dilaga con garbo fino ad un tumultuoso crescendo. E la voce, quella voce, subentra gentile e poi veemente, pensosa e poi aspra. Chi se non Annie Lennox potrebbe darci un cd così ricco di preziosità e selvatichezze, ritmi accesi e oasi di quiete? Chi altri potrebbe coniugare languori e staffilate, come quell’ugola baciata dagli dei? Ecco, Song of mass destruction, col suo intreccio di impegno e lirismo, è un capolavoro non tanto per i brani quanto per l’interprete. Dall’epos marziale di Love is blind all’anatema femminista di Sing (con Celine Dion, Madonna, Shakira), alla levità di Smithereens, dal soul di Ghost in my machine all’ espressionismo di Womankind.

Annie Lennox Song of mass destruction (Sony-Bmg)