In un anno dimezzati i «portoghesi» sui treni

Da domani nuove sanzioni per gli evasori

Continua e si rafforza la campagna antievasione sui treni regionali avviata lo scorso 16 gennaio da Ferrovie dello Stato. L’attività è concordata con le associazioni dei pendolari e dei consumatori che hanno aderito al Comitato di monitoraggio e garanzia. In un comunicato l’azienda Ferrovie dello Stato ha deciso di puntare su questa campagna anche per il suo effetto deterrente. La campagna potrà contare anche sull’attività di comunicazione e sarà accompagnata da un’opera si sensibilizzazione nelle scuole superiori dei capoluoghi di provincia. L’eliminazione delle persistenti sacche di evasione permetterà di recuperare risorse finanziarie da destinare al potenziamento della flotta e al miglioramento dei servizi. Dai dati risulta che l’evasione a fine 2006 nel Lazio era del 7 per cento, mentre nel primo semestre del 2007 era sceso al 3 per cento sui viaggiatori controllati a terra e al 6 per cento su quelli a bordo. Confrontando i dati del 2006 con quelli di quest’anno si nota un incremento delle vendite dei biglietti del 10 per cento. Da domani inoltre entreranno in vigore le nuove sanzioni previste da Trenitalia per chi viaggia senza biglietto, con biglietto non convalidato o contraffatto.