Un anno fa uccise due sorelle italiane nel massacro di Taba

Jessica e Sabrina le ventenni di Cuneo uccise da un’autobomba

Gli attentati di ieri a Sharm el Sheik sono solo gli ultimi di una serie più che decennale di attacchi che hanno avuto come vittime i turisti.
Nel solo mese di aprile di quest’anno ben due i colpi messi a punto da kamikaze. Il 30 aprile un’intera famiglia di aspiranti martiri - un uomo, sua moglie e sua sorella - compie un duplice attacco a turisti al Cairo. Morti gli attentatori, sette le persone ferite tra cui un italiano. Il 7 un uomo-bomba si fa esplodere vicino a un suk turistico di Khan el Khalili al Cairo, uccidendo tre persone e ferendone numerose altre.
Nel 2004, il 7 ottobre, l’Egitto vive una terribile giornata di tragedia. Un autobomba colpisce al cuore il deserto del Sinai, seminando di morte e distruzione l’hotel Hilton di Taba, alla frontiera con Israele. 34 le vittime e 105 i feriti. Perdono la vita due giovani italiane della provincia di Cuneo, le sorelle Jessica e Sabrina Rinaudo. Oltre 100 i feriti.
Il viaggio a ritroso nei precedenti attentati salta poi al 1997.
Il 17 novembre dei militanti islamici uccidono 58 turisti e 4 egiziani in un attacco vicino a Luxor, Egitto meridionale. La polizia uccide i sei militanti, ma l’episodio assesta un duro colpo al turismo del Paese. Il 18 settembre due uomini armati uccidono nove turisti tedeschi e il loro autista in un attacco al loro bus, di fronte al museo centrale del Cairo. 18 i feriti.
1996. Il 18 aprile quattro militanti islamici aprono il fuoco su dei turisti greci, uccidendone 18, davanti all’hotel Europa, vicino alle piramidi di Giza.
1994. Anno nero. Ben quattro i tragici episodi. Il 4 marzo dei miliziani aprono il fuoco su una nave in crociera sul Nilo, colpendo a morte una donna tedesca. Il 26 agosto un ragazzo spagnolo di 13 anni viene ucciso e tre persone restano ferite in un attacco effettuato da alcuni militanti contro un bus a Nag Hamadi, nel sud dell’Egitto.
Il 27 settembre vengono colpiti a morte a Hurgada, sul mar Rosso, due tedeschi e due egiziani. A ottobre, il 23, è un britannico a restare ucciso in un assalto a un minibus vicino a Naqada, nel sud del Paese. Tre i feriti.
Nel 1993, il 26 febbraio, una bomba in un caffè del Cairo uccide 3 persone e ne ferisce 18. A ottobre un assalto a un hotel della capitale egiziana uccide tre turisti.
1992, anno cruciale. Inizia l’insurrezione islamica in Egitto. A Dairut, città del sud, l’attacco a un minibus con la prima vittima, un britannico.