Annozero, Scajola: "Ora basta, convoco i vertici"

Infiammano le polemiche contro <em>Annozero</em> che nella prima puntata sfonda i 5,5 milioni telespettatori. Scajola: &quot;Ennesima
puntata di una campagna mediatica basata sull’infamia&quot;. Ma Zavoli: &quot;Evitare invasioni di campo&quot;. BLOG/<a href="http://blog.ilgiornale.it/taliani/" target="_blank"><strong>La &quot;libertà&quot; di Santoro</strong></a>

Roma - I risultati in termini di share sono buoni, ma i contenuti (come da cliché) hanno scatenato una polemica infinita. Di questo, però, Santoro non si cura ed esulta: "Abbiamo lavorato in condizioni di assoluta emergenza e siamo andati in onda a regola d’arte da un altro studio con una squadra nuova". Tuttavia, gli attacchi al premier Berlusconi e al Giornale non passeranno inosservati. Il ministro dello sviluppo economico, Claudio Scajola, non ci sta e si preopara a convocare i vertici di viale Mazzini: "E' l'ennesima puntata di una campagna mediatica basata sull’infamia".

Scajola convocherà i vertici Rai Che Santoro abbia superato i limiti era già chiaro ieri sera. Nonostante la debole difesa di qualche esponente del centrosinistra, il Pdl e la Lega Nord ha duramente deprecato Annozero. Ma a prendere una decisione definitiva è stato Scajola che convocherà "i vertici della Rai per verificare se trasmissioni come Annozero rispettino l'impegno, assunto dalla Rai nel contratto di servizio, a garantire un'informazione completa e imparziale". In una nota, il ministro allo Sviluppo economico ha fatto sapere che "è ora di finirla". "E' l'ennesima puntata di una campagna mediatica basata sui pruriti, sulla spazzatura, sulla vergogna, sull'infamia, sulle porcherie - ha puntualizzato Scajola - la televisione non può sostituire le aule dei tribunali, soprattutto quando la magistratura non ha rilevato alcun elemento per aprire inchieste sul presidente del Consiglio. Stiamo attraversando una stagione di veleni che sconcerta i cittadini. Queste aggressioni sono la risposta disperata alla politica del fare del Governo Berlusconi, nell`illusione di sovvertire il risultato elettorale. La politica non può arrendersi a questa logica".

Zavoli: "Evitare invasioni di campo" Il presidente della Commissione di Vigilanza Rai Zavoli stigmatizza l’intervento di Scajola ammonendolo dal fare invasioni di campo. "La sua iniziativa di convocare i vertici Rai sorprende, non corrispondendo ad alcuna prassi istituzionale e stabilendo un pericoloso precedente",osserva Zavoli, ricordando che "gli organismi propri di controllo della televisione pubblica sono la Commissione parlamentare di vigilanza e Agcom. Invasioni di campo inasprirebbero ancor più le polemiche politiche".

I dati di ascolto Su Raiuno Don Matteo è stato seguito nella prima parte da 6 milioni 603 mila spettatori (23,56% di share) e nella seconda da 5 milioni 734 spettatori (24,02 per cento di share). E' alto anche il dato della trasmissione di Santoro, ma non sufficiente per riuscire a vincere la sfida. La prima puntata della nuova stagione di Annozero ha, infatti, segnato il 22,88 per cento di share, pari a 5 milioni 502 mila spettatori. Sempre in prima serata, su Canale 5, il film di Ale e Franz è stato seguito da 3 milioni 268 milioni di ascoltatori, pari al 13,24 per cento di share.

L'esultanza di Santoro Secondo Santoro il risultato ottenuto "premia un prodotto interamente Rai e non è soltanto frutto delle polemiche". "Oltre il 36% di permanenza indica che un fetta molto importante di opinione pubblica ha voluto segnalare al governo che una cosa sono le scelte elettorali e un’altra le scelte informative - ha spiegato il conduttore di Annozero - insomma per il pubblico l’informazione deve essere considerata un contrappeso per chi esercita il potere". "Questo vuol dire che il pubblico ha espresso una sfiducia nei confronti del governo? - si è, quindi, chiesto Santoro - Assolutamente no. Ma sicuramente vuol dire che il pubblico chiede una informazione più libera da qualunque tipo di condizionamento politico e soprattutto chiede di avere più informazione. Adesso mi auguro che prevalgano gli interessi della Rai e il senso di responsabilità".

Garimberti ridimensiona il risultato "Sulla puntata di esordio l’attesa era grande, il buon risultato di ascolti è frutto anche di questo". Garimberti ridimensiona la performance di Santoro: "E' stata una trasmissione alla Santoro, nel suo stile classico. Comunque non do giudizi, non faccio il critico televisivo". E anche sull’intervento di Travaglio il presidente della Rai dice: "E' stato un Travaglio doc, è il suo stile, il suo modo di fare giornalismo. Si può amare o no, ma è opportuno che ci siano vari generi e che uno possa scegliere se guardarli o meno". Un’esigenza, sostiene Garimberti, di cui è consapevole lo stesso direttore generale Mauro Masi: "Non è che il direttore generale non capisca che ci devono essere vari generi, non dipingetelo diverso da com’è. Quello che ha sempre caratterizzato la Rai è la presenza di più voci: c’è il Tg1, il Tg2, il Tg3 e alla fine il pubblico può scegliere, c’è il telecomando che è uno strumento di democrazia".