«Annunziata faziosa, si vergogni»

Lucia Annunziata nel mirino di An per come ha condotto l’intervista a Gianfranco Fini nella sua trasmissione «In mezz’ora» andata in onda ieri su Raitre. Nel corso del colloquio il ministro degli Esteri, rispondendo a una domanda sulle dimissioni di Roberto Calderoli da ministro per le Riforme, ha detto: «Si tratta di propaganda... lei che è marxista capisce bene la differenza fra politica e propaganda». La replica dell’ex presidente della Rai: «Certo, io sono schierata, non credo nell’imparzialità dei giornalisti». Il ministro degli Esteri ha lasciato correre, non così il senatore di An Michele Bonatesta, che ha chiesto alla Commissione di vigilanza sulla Rai di occuparsi dell’intervista al leader del suo partito. «L'Annunziata si vergogni - scrive Bonatesta in una nota - è una militante politica travestita da giornalista, che fa propaganda faziosa e pericolosa a spese degli italiani che pagano il canone. Del resto lo ha ammesso lei stessa, dicendo che non crede alla neutralità dei giornalisti. Invece i giornalisti, specialmente quelli che lavorano per il servizio pubblico, devono essere imparziali».