Antiquariato da investimento

La teiera Malevic, gli arazzi fiamminghi, il Corallo Rosso della Scuola di Pechino sono originali testimonianze di epoche, correnti artistiche e oggi autentiche occasioni di investimento. Vaprio d'Adda da oggi al 22 ottobre a Villa Castelbarco Albani ospita la ventesima edizione della mostra mercato Antiquariato Nazionale. Un anniversario importante per la Fiera che raccoglie, in uno scenario suggestivo, più di cento espositori provenienti dall'Italia e dall'Europa.
Villa Castelbarco Albani valorizza da sempre l'antiquariato di qualità, consapevole del potenziale economico di un pezzo raro e autentico. «In un mercato sempre più competitivo - sostiene Armando Fusi, organizzatore e curatore tecnico della manifestazione, - l'antiquariato di qualità continua a suscitare l'interesse sia di appassionati sia di investitori. Oggi i potenziali clienti sono più esigenti e preparati in grado di riconoscere e apprezzare l'originalità dell'oggetto».
La mostra raccoglie le eccellenze del mercato dell'antiquariato, spaziando dalla scultura alla manifattura tessile. Quadri, tappeti e sculture che per unicità, maestria, autenticità si configurano come pezzi rari, dal valore inestimabile. Fra le opere di grande richiamo si segnalano, per il valore artistico e economico, gli antichi arazzi fiamminghi e francesi del XVI, XVII e XVIII secolo, stimati dai 20.000 a più di 100.000 euro, ma anche opere «da museo» come la teiera Malevic (1923), un originale dell'avanguardia suprematista russa, disegnato dal maestro Malevic e decorato da N. Suetin.