Antiquariato a Palazzo Vagnotti: oltre 800 pezzi rari di arredi e arte

Oltre ottocento oggetti da collezione per la più antica mostra antiquaria italiana. Mobili e dipinti risalenti a epoche che vanno dal Seicento all’Ottocento, sculture lignee del Quattrocento, mobili orientali con antiquariato tibetano e cinese, argenti e bronzi, avori e giade. E poi ancora ventagli, pizzi, gioielli e per gli appassionati anche epigrafi medievali.
Si apre oggi a Cortona, a Palazzo Vagnotti, e durerà fino al 10 settembre, la 44esima edizione di «Cortonantiquaria», un appuntamento che l’anno scorso ha contato 10 mila visitatori, tra amanti del collezionismo d’arte e semplici curiosi. Saranno in tutto 46 le presenze degli antiquari in mostra, provenienti da Sicilia, Campania, Lazio, Toscana, Liguria, Emilia, Marche, Veneto, Lombardia, Trentino e Umbria. Oltre alla mostra, in questi giorni, sono molti gli eventi organizzati dalla città toscana. Per gli appassionati di vino, i marchesi Antinori guideranno delle degustazioni e per l’occasione presenteranno per la prima volta al pubblico la loro ultima bottiglia: «Achelo», un Syrian 100 per cento del 2005. Il tutto nella ricostruzione di una cucina toscana dell’Ottocento. Per gli amanti di moda invece, il museo del Tessuto di Prato metterà in mostra abiti da cocktail degli anni Cinquanta; e, il 9 settembre alle 21.00 in piazza della Repubblica, Renato Balestra farà sfilare 40 delle sue creazioni. Tra queste, una vera e propria passerella antologica dello stilista che esibirà un abito per ogni decennio a partire dagli anni Sessanta fino al 2000. Infine, in occasione dell’anniversario della morte di Gino Severini, Palazzo Casali esporrà tra gli altri i mosaici cortonesi dell’artista.