Antitrust: multato il "cartello" della pasta

Multe complessive per 12,5 milioni di euro. L'Antitrust ha stabilito che molte aziende, tra il 2006 e il 2008,  si erano messe d'accordo per concertare gli aumenti del prezzo di vendita della
pasta secca di semola. I produttori si difendono: "Nessun cartello da parte nostra"

Milano - Che ci fosse qualcosa che non andava lo pensavano in molti. Va bene che c'erano stati aumenti delle materie prime e dell'energia, ma l'impennata dei prezzi della pasta erano parsi a tutti davvero esagerati. Scontato il sorgere del sospetto di un "accordo", più o meno studiato a tavolino, per tenere i prezzi in alto, alle spalle dei consumatori e in barba alla crisi economica. Alla fine l’Antitrust è intervenuta multando per complessivi 12,5 milioni il cosiddetto "cartello delle pasta". Ma i produttori si difendono: "Nessun cartello da parte nostra"

Le società multate Il Garante ha deliberato che le società Amato, Barilla, Colussi, De Cecco, Divella, Garofalo, Nestlè, Rummo, Zara, Berruto, Delverde, Granoro, Riscossa, Tandoi, Cellino, Chirico, De Matteis, Di Martino, Fabianelli, Ferrara, Liguori, Mennucci, Russo, La Molisana, Tamma, Valdigrano, insieme all’Unipi, Unione Industriali Pastai Italiani, hanno posto in essere un’intesa restrittiva della concorrenza finalizzata a concertare gli aumenti del prezzo di vendita della pasta secca di semola da praticare al settore distributivo. Sono invece risultate estranee all’intesa, a diverso titolo, le società Gazzola, Mantovanelle e Felicetti, nei confronti delle quali era stata ugualmente avviata l’istruttoria.

Sanzionata la maggioranza delle imprese I produttori sanzionati - fa sapere l’Antitrust con una nota - sono rappresentativi della stragrande maggioranza del mercato nazionale della pasta (circa il 90%) e Unipi è l’associazione di categoria più rappresentativa del settore. L’Autorità ha sanzionato, con 1.000 euro, anche l’intesa realizzata da Unionalimentari, Unione Nazionale della Piccola e Media Industria Alimentare che, in quanto associazione d’impresa, ha divulgato una propria circolare per indirizzare gli associati verso un aumento uniforme di prezzo.

Aumento medio dei prezzi Nella determinazione dell’importo base delle sanzioni l’Autorità "ha ampiamente tenuto conto della situazione economica del settore della pasta, in considerazione dell’eccezionale incremento subito dal costo della materia prima nonché della complessiva situazione di progressivo peggioramento delle performance economiche delle imprese del settore". Le due intese hanno di fatto interessato l’intero mercato della produzione della pasta ed hanno avuto effetti evidenti sul mercato in termini di aumento medio dei prezzi di cessione alla grande distribuzione organizzata e, conseguentemente, del prezzo finale praticato dai distributori ai consumatori.

Incrementi del 51% In particolare - spiega l’Antitrust - l’intesa realizzata da Unipi e dai 26 produttori è durata dall’ottobre 2006 almeno fino al primo marzo 2008. Dal maggio 2006 al maggio 2008 il prezzo di vendita della pasta al canale distributivo ha registrato un incremento medio pari al 51,8%, in buona parte trasferito al consumatore, visto che il prezzo finale è cresciuto nello stesso periodo del 36%.

Decisioni congiunte Per quanto concerne l’intesa tra i 26 produttori e l’Unipi, nell’istruttoria l’Antitrust non ha contestato la necessità delle singole aziende di procedere ad autonomi aumenti di prezzo, a fronte di un incremento del costo della materia prima, ma la decisione congiunta e le modalità anticoncorrenziali con le quali si è arrivati agli aumenti stessi. Secondo l’Antitrust i copiosi documenti rinvenuti nel corso dell’istruttoria dimostrano inequivocabilmente che le imprese hanno concertato una comune strategia di aumenti dei prezzi. Questo ha permesso alle aziende di piccole dimensioni, caratterizzate da costi produttivi più elevati (dovuti a una minore efficienza produttiva) di aumentare i prezzi: le catene distributive, in presenza di incrementi generalizzati, sono state infatti costrette ad accettare i nuovi listini. Da parte loro le imprese maggiori, che non volevano essere le sole ad aumentare i prezzi, hanno azzerato il rischio di perdere significative quote di mercato.

Il coordinamento di alcune aziende L’istruttoria ha dimostrato che alcune società (Amato, Barilla, Divella, Garofalo, Rummo e Zara) hanno inoltre svolto un particolare ruolo di coordinamento dell’organizzazione dell’intesa, operando anche in stretta connessione con Unipi, con riunioni ristrette finalizzate a monitorare l’andamento dei listini e la tenuta dell’intesa.

La difesa dell'Unione pastai Nessuna intesa per influenzare i prezzi della pasta. Così l’Unione industriali pastai italiani (Unipi), replicando al verdetto dell’Antitrust, sottolinea che nel settore "non vi sono state speculazioni, né si è mai configurato alcun accordo lesivo degli interessi dei consumatori". Le ragioni che hanno determinato tensioni sul prezzo al consumo della pasta, per l’Unipi, "sono riconducibili, in particolare, all’andamento dei fattori di costo di produzione, il più importante dei quali è rappresentato della materia prima, la semola di grano duro".

Barilla: estranei ad azioni di cartello La nota azienda emiliana "non condivide la sostanza e le conclusioni del provvedimento" dell’Antitrust e dichiara "di essere estranea a presunte azioni di cartello ai fini di determinare un aumento dei prezzi della pasta". In una nota Barilla sottolinea, anche "per quanto attiene il periodo di indagine, di aver agito, come sempre nei suoi oltre 130 anni di storia, secondo criteri di assoluta trasparenza e con la massima libertà nel determinare la propria politica commerciale (prodotti di qualità superiore al giusto prezzo), in un settore caratterizzato da un’accesa competizione, accentuata negli ultimi anni dall’ingresso delle marche private sul mercato".