Antonello Costa tra Totò e Michael Jackson

Il suo grido di battaglia, da tormentone televisivo, è diventato il titolo di un fortunato spettacolo teatrale «Calmi, rilassati, oh!». Era solo il 2002, ma l’eclettico Antonello Costa - segni particolari: attore, cantante, e ballerino, cioè il classico artista a tutto tondo, da questa sera e per ogni domenica fino al 30 luglio impegnato nell’arena comica di All’Ombra del Colosseo - era già approdato su Raiuno nel programma «Ci vediamo in tv» e nella popolare trasmissione «Ave Cesare». Sguardo affilato, battuta pronta, tempi comici perfetti, e una speciale predilezione per le macchiette d’avanspettacolo. È stata sua l’idea alquanto bizzarra, ma efficace, di far incontrare sulle tavole del palcoscenico personaggi distanti tra loro anni luce sia per formazione artistica che per cultura, Charlie Chaplin e Michael Jackson, impegnandoli in uno scattante numero di ballo acquisito dal precursore ante litteram della break-dance: Totò. E proprio il principe Antonio De Curtis (ribattezzato Totò break), Chaplin-Jackson, l’infermiera, e altre maschere di nuovo conio, comporranno il canovaccio di una serie di spettacoli sempre diversi che da oggi, tutte le domeniche a ingresso gratuito, Antonello Costa proporrà sul palcoscenico del Parco del Ninfeo.
Costa è uno degli artisti di punta della storica manifestazione dedicata al cabaret estivo. Ogni domenica sul palco a ridosso dell’Eur, l’autore dello spettacolo «Vieni avanti provino!» proporrà uno show diverso carrellando nella sterminata prateria dei personaggi della colorita fauna che popola i suoi precedenti lavori, cioè Arcangelo Bottiglia, Don Antonino, Sergio, Rocco, Raffaello Piombo, McAdelio, Dante. Insomma, sarà uno show tutto da ridere sviluppato come una sorta di seduta comico-terapeutica di gruppo effettuata in collaborazione col pubblico, e intervallata dal corpo di ballo delle «Dual Band». Dotato di una verve straordinaria e di un talento comico che ne fanno uno dei cabarettisti più preparati e completi del panorama italiano, Antonello Costa ha anche lavorato come assistente alla regia nei film diretti da Maurizio Ponzi, «Italiani» e «Fratelli coltelli», ed ha interpretato Turiddu nel film di Massimo Puglisi «Cavalleria Rusticana».