Antonio Meucci, feste dalla Pergola a New York

Intenso il programma di festeggiamenti per il bicentenario della nascita dell'inventore del telefono: in suo onore convegni, incontri, mostre e un annullo filatelico

Milano - Dal teatro della Pergola, Firenze, a Staten Island, New York, storia di un genio tenace, controverso, un talento fiorentino. È Antonio Meucci, l’inventore del telefono o, come lui lo definì, del telettrofono, parola che indica più precisamente la trasmissione della voce per via elettrica. Nel bicentenario della nascita (Firenze 13 aprile 1808 - New York 18 ottobre 1889), la sua città natale dedica "all’ingegnere" un’articolata rassegna di appuntamenti. Le celebrazioni, organizzate, tra gli altri, da università, Regione, Provincia, Comune, ministero della Pubblica istruzione, Consorzio Interuniversitario per le telecomunicazioni, sono state presentate stamani da Franco Angotti, presidente del comitato nazionale per le manifestazioni del bicentenario, promosso dalla facoltà di ingegneria dell’ateneo fiorentino, presenti il rettore Augusto Marinelli e il presidente della Regione Toscana Claudio Martini.

Il programma, tra aprile 2008 e la primavera del 2009, si articola in due parti: la prima ha l’obbiettivo di ricordare la figura e l’opera di Meucci, genio fiorentino, con convegni e incontri, e di offrire un momento di riflessione sul presente e sul futuro delle telecomunicazioni dal punto di vista dell’innovazione tecnologica, e in relazione agli aspetti normativi, giuridici ed economici.

Primo appuntamento, il 15 aprile, con la manifestazione di apertura dedicata a "La scuola e la cultura tecnico/scientifica", nell’aula magna del rettorato. Per l’occasione si terrà uno speciale annullo filatelico. Al teatro della Pergola, dove Meucci lavorò come assistente del capo macchinista e costruì un tubo acustico per comunicare dal piano del palcoscenico a quello dei "soffittisti", sarà inaugurata la mostra "Scene dell’ingegno". La seconda parte (settembre 2008-aprile 2009) delle celebrazioni sarà dedicata agli studenti delle scuole superiori e delle università. Da parte sua, l’ateneo di Firenze - come ha ricordato il rettore - ricorderà Meucci dando il suo nome al nuovo incubatore di impresa in costruzione a Sesto Fiorentino.