Antoniozzi: «Ecco il piano per le scuole»

«La scuola è un ambiente del quale fruiscono stabilmente milioni di cittadini, ai quali le istituzioni dovrebbero consentire di svolgere la propria attività in spazi idonei in termini di sicurezza». Con queste parole Alfredo Antoniozzi, candidato del PdL alla presidenza della Provincia di Roma, insieme ad Andrea Moi , presidente della Consulta Studentesca ha esordito la presentazione del piano di riordino dei plessi scolastici. La premessa: i plessi scolastici della provincia di Roma versano in pessime condizioni in termini di sicurezza. «Per prospettare proposte concrete e non slogan finalizzati solo alla campagna elettorale, insieme alla consulta Studentesca di Roma, Azione Studentesca e Azione Giovani - spiega Antoniozzi - abbiamo realizzato un’indagine volta ad analizzare lo stato attuale degli edifici prendendo un campione di 140 istituti». Il risultato attesta che oltre il 90 per cento dei plessi scolastici della Provincia non è a norma in merito alla sicurezza. Di questi il 97 per cento non ha il certificato di agibilità/abitabilità, il 92 non ha il certificato di collaudo statico, il 93 non ha il certificato di conformità dell’impianto elettrico e il 98 non ha il certificato di conformità dell’impianto idrotermosanitario. Alla luce di questo quadro l’impegno di Antoniozzi: uno stanziamento annuo totale di 90 milioni di euro ripartiti in: 40 milioni per la messa in sicurezza delle scuole, 30 milioni per la creazione di tre istituti nuovi uno per quadrante (est-sud-nord) pari a 10 milioni a istituto, 16 milioni per manutenzione straordinaria, 4 milioni per manutenzione ordinaria. «Non ci piacciono slogan vuoti e privi di contenuti dice il Candidato alla presidenza di Palazzo Valentini. Consideriamo questo impegno un patto assunto con tutti gli studenti della Provincia, i figli di questo territorio, e quindi con noi stessi».