Antonveneta, Fazio e Fiorani a processo

L'ha deciso il gup di Milano Varanelli. A giudizio anche l'ex capo della Vigilanza di Via Nazionale, Frasca, il senatore Grillo e altre 14 persone. Le accuse: aggiotaggio e ostacolo agli organismi di controllo. Accolte tutte le altre richieste di patteggiamento: recuperati 240 milioni di euro

Milano - Il gup di Milano Luigi Varanelli ha disposto il rinvio a giudizio di Antonio Fazio, Francesco Frasca, Luigi Grillo, Giampiero Fiorani e altre quattordici persone coinvolte nell’inchiesta sulla mancata scalata all’Antonveneta. Il processo inizierà il 23 ottobre prossimo davanti ai giudici della seconda sezione penale del Tribunale di Milano.

Dovranno presentarsi in aula anche i due vertici di Unipol, Giovanni Consorte e Ivano Sacchetti, i quali oggi sono stati intanto prosciolti insieme al commercialista Claudio Zulli, dall’accusa di riciclaggio formulata in un capo di imputazione. Tutti e tre hanno inoltre chiesto un patteggiamento parziale. Rinviati a giudizio tra gli altri anche l’imprenditore Luigi Zunino e le due società Unipol Spa e Nuova Parva (riconducibile quest’ultima allo stesso Zunino) per la legge 231 del 2001 sulla responsabilità amministrativa. La posizione di Giampiero Beccaria è stata stralciata e trasmessa per competenza a Lodi. Il giudice nel corso dell’udienza preliminare ha respinto in pratica tutte le eccezioni sollevate dai difensori.

Patteggiamenti Il gup ha accolto tutte le richieste di patteggiamento, una sessantina, avanzate dagli imputati. Con i patteggiamenti sono stati recuperati circa 240 milioni di euro.