Anziana ereditiera derubata di tre milioni

Hanno raggirato un’anziana benestante approfittando delle sue condizioni mentali, carpendole tre milioni di euro in cinque anni: quattro persone, sono state indagate dalla procura di Torino dopo un’inchiesta della Guardia di finanza. La vittima è la vedova, senza figli, di un industriale torinese nel campo dell’utensileria meccanica, e il personaggio principale, che ne ha sfruttato la fragilità psicologica, è l’uomo che lavorava per lei come autista e factotum. La signora si fidava del suo collaboratore, che però, come hanno accertato i militari del nucleo di polizia tributaria, dopo avere ottenuto la delega a operare sui conti correnti è riuscito anche a farsi firmare in bianco assegni bancari e circolari.