Anziani più sicuri coi contributi per caldaie a gas

REQUISITI Il progetto dell’assessorato alle Politiche sociali rivolto ai meno abbienti

Tutelare gli anziani fragili della capitale attraverso la messa in sicurezza dell’ambiente domestico. È questo l’obiettivo di «A casa sicuri», il progetto promosso dall’assessorato capitolino alle Politiche Sociali in collaborazione con la Cna (Confederazione nazionale dell’artigianato) di Roma, affidataria del servizio. Il progetto prevede l’erogazione di contributi economici per la manutenzione degli impianti e delle macchine a gas in casa. La somma complessiva stanziata dal Campidoglio per finanziare l’operazione è di circa 2,5 milioni di euro. I bonus sono riservati agli anziani oltre i 65 anni con reddito annuo Isee non superiore ai 16 mila euro.
Questi i contributi in dettaglio: 90 euro per la manutenzione ordinaria annuale e il bollino blu biennale delle caldaie autonome a gas (per riscaldamento domestico e produzione di acqua calda); 150 euro per cambiare il tubo del gas della cucina; 300 euro per sostituire le macchine da cucina con modelli a spegnimento automatico del gas in assenza di fiamma; 500 euro per sostituire le caldaie autonome a gas, in caso se ne ravveda la necessità a seguito di verifica tecnica o per problemi che emergono durante la manutenzione. Ogni destinatario dei contributi potrà spenderli per un massimo di tre interventi, nei limiti delle disponibilità. Per avere informazioni e chiedere il contributo, si deve chiamare il numero telefonico dedicato, 0644361956, che si occupa della raccolta delle domande e della verifica dei requisiti per ottenere il contributo. A gestire il call center è la Cna, che passa poi le richieste d'intervento alle imprese che hanno vinto il bando del servizio.
Le imprese effettuano un sopralluogo a domicilio, propongono l’intervento con il preventivo di spesa e il cittadino, se vuole, sottoscrive la proposta. Questa viene inoltrata, con la relativa documentazione, alla Cna che verifica la necessità dell'intervento e la correttezza del preventivo. Una volta effettuato il lavoro, il cittadino consegna all’impresa il voucher con l’indicazione dell’importo del contributo assegnato. Il tempo massimo previsto per l’esecuzione dell’intervento è di 30 giorni dal ricevimento della domanda da parte del call center. Il programma vuole garantire agli anziani di vivere con serenità nelle proprie case.